L' EX ALLIEVO
ANNO 52° - CREMONA - 08 NOVEMBRE 2015 - NUMERO UNICO

Associazione "LAZZARO CHIAPPARI" - Ex Allievi Orfanotrofio e Manini - 1924 -ONLUS

Nella continuità di un impegno solidale che dura da novantuno anni

Novantunesimo di Fondazione . Novembre 2015

Un proseguo operativo

(editoriale) Dopo un anno intenso per quanto e come espresso dall'Associazione nel commemorare degnamente i novant'anni della propria vita, nel promuovere iniziative concluse con la grande manifestazione del novembre 2014, il proseguo d'impegno e di lavoro dell'attività del Sodalizio ha avuto il suo corso di sempre, consentendo il realizzo dei presupposti di solidarietà scelti per il proprio agire dagli Ex Allievi nel 1924, e mai interrotti. Certamente è una continuità derivata dall'intento e la costanza sin qui impiegati nel procedere della Lazzaro Chiappari, pur dovendo ora far fronte ad anzianità di tempo e lavoro per chi opera, con l'aggiunta di un doversi adeguare mentalmente e per usi del fare, e per costumi di vita, a nuovi bisogni e povertà, che la dinamica della società d'oggi produce. Non può sfuggire che nuove povertà, e nuove condizioni di disagio generale, per noi specifico del giovane minore da assistere ed accogliere, quindi da crescere e formare, cui diamo il nostro marginale contributo, in parallelo all'intervento di sostegno agli ex allievi in difficoltà di vita, esigano interpretazioni d'intervento e contatto dal continuo adattamento a nuove forme del procedere e di conseguenza a risorse che li consentano. Aspetto che, Istituzioni preposte e Volontariato disponibile, devono affrontare in costanza di mutevoli e adeguate disponibilità operativa. In queste condizioni, la prospettiva d'intento ed impegno della Lazzaro Chiappari non demorde, anche se l'andamento del proseguo risente inevitabilmente del mutare su detto, e l'assistere minori ed ex allievi in difficoltà, incontra sforzi operativi cui tuttavia l'Associazione non rinuncia. Valga nel merito rammentare che la Lazzaro Chiappari ha rafforzato la sua presenza tra le istituzioni, qualificandosi ancor più con il ritorno di un suo delegato (Fiorenzo Bassi) nel Comitato della Fondazione Città di Cremona, e con l'avvenuta sottoscrizione di una "Intesa" con il Comune di Cremona sulla riconosciuta funzionalità di azione sociale svolta della Lazzaro Chiappari. Dunque per ora la "bottega" rimane aperta, con tutti i suoi intenti.

Arnaldo Scazzoli