L' EX ALLIEVO
ANNO 48° - CREMONA - 06 NOVEMBRE 2011 - NUMERO UNICO

Associazione "LAZZARO CHIAPPARI" - Ex Allievi Orfanotrofio e Manini - 1924 -ONLUS

GIUNTI ALL'87° ANNIVERSARIO

A RAGION VEDUTA

L'Associazione ha raggiunto 87 anni di attività ininterrotta. Dal 1924 si è dato fondo all'intento di essere utili fra noi ex allievi cresciuti negli Orfanotrofi Maschile e Femminile, oggi operanti con la forma dell'accoglienza nelle Comunità Barbieri. Il modo di esserlo lo ha fornito lo spirito di corpo inteso nel darci una mano reciproca e darla ai ragazzi che dopo di noi sarebbero stati nelle condizioni in cui ci si trovò in giovane età. Una disponibilità cresciuta dentro noi, dunque, che ha portato alla costituzione dell'Associazione, per dare organicità agli intenti, sostenendo a nostro modo, per come s'è potuto e si può ancora, quelli di noi che la fortuna, la vita insomma, non hanno avuto e non hanno facile. Un modo di fare che affianca come sempre è stato, quanto può l'intervento pubblico, che per sua natura non risulta tempestivo, né con il tratto dell'affetto e disponibilità dell'amico che si pone e senti a te vicino. Condizione che semplifica le iniziative, rese sgombere da verifiche o analisi d'ufficio, e rende più facile l'avvicinamento alla persona, in un approccio di reciproca franchezza per chi da e per chi riceve, permettendo interventi diretti e tempestivi, per i quali si abbattono anche possibili risvolti d'orgoglio che la persona a volte interpone, grazie alla famigliarità palese di chi accudisce il caso, che è persona che ha condiviso con te, o comunque vissuto, un passato di giovinezza comune per luogo e accoglienza. Così è stato fra noi ex allievi, e così continua ad essere. L'Associazione ha dunque operato per essere d'aiuto alle necessità degli ex allievi, soci o no, tale da permettersi di inalberare lo slogan: 'la dai una mano al bisogno?', come appunto si è esposto al presidio associativo per la Festa del Volontariato in Piazza, di recente edizione, quale interrogativo a valenza di ognuno, inteso come invito o richiamo morale che riguarda la convivenza della gente. Intenti associativi perseguiti sin qui, con risultati operativi che riteniamo sufficienti e qualificanti a giustificare il lavoro fatto, del quale una buona parte è dedicata anche all'impegno istituzionale della Lazzaro Chiappari che dal 1970 è presente e 'naviga' in stretti rapporti con i preposti pubblici alla conduzione dell'istituzione degli ex Orfanotrofi, oggi appunto svolta tramite le Comunità Barbieri in affido a Cremona Solidale. Impegno occorrente all'incidenza ed efficacia dell'apporto dell'Associazione alle problematiche dei minori da accogliere nell'antica struttura di sostegno, della quale Cremona può ben essere orgogliosa per quanto fin qui fatto da più di quattro secoli e mezzo. Questo è dunque l'impegno volontario e disinteressato svolto da 87 anni a questa parte, anche se a volte ritenuto un po' atipico da professionisti del settore. Atipico forse per modalità di intervento libero da pastoie di progettualità definita e proposta, a volte fine a se stessa, dovendosi agire in aiuto a necessità che sono già in corso al momento che le conosci, ed a cui dare risoluzione veloce. Quanti i casi affrontati, per anziani o giovani appena dimessi, e quanti di essi non andati purtroppo a miglior fine, causa l'imponderabile. L'intento non è però mai venuto meno, a fronte di un lavoro impegnativo, dai risvolti con contorni umani e pratici di non poco conto. Una presenza quella della Lazzaro Chiappari, cui va riconosciuto anche il risultato di avere favorito il ritrovarsi e dunque l'aggregarsi tra ex allievi, annoverandovi anche i soci non ex allievi, ma inseriti in quanto famigliari o amici, che hanno conosciuto l'azione dell'Associazione, tale da condividerne gli scopi. Ed è così che dalla lontana fondazione del 1924, siamo qui oggi a misurarci ancora con la realtà del bisogno da soccorrere, nonostante i tempi, i costumi del vivere assai mutati, l'età che avanza degli attori, lo scioglimento di istituzioni con cui si è cresciuti, i quali tutti non hanno fin qui interrotto l'intento costitutivo del gruppo, tale per cui, ed a ragion veduta, per ora si continua ancora.. Arnaldo Scazzoli

Novembre 2010

CON FONDAZIONE CITTA' DI CREMONA

Dopo l'insediamento del nuovo Comitato della Fondazione Città di Cremona, composto come già detto dal Presidente Giacomo Spedini, suo vice Carlo Santini, e quindi Uliana Garoli, Giancarlo Bosio e Massimo Lattanzi, è stata confermata la presenza in esso della Lazzaro Chiappari nella formula prevista concessa dal Sindaco, della partecipazione senza diritto al voto, approvata dallo stesso Comitato di Fondazione. Fatto che consente al nostro Ernesto Maggi di essere nuovamente partecipe dell'organismo quale delegato degli ex allievi nelle riunioni di Consiglio, anche se ora limitatamente agli atti attinenti le iniziative assistenziali dell'Ente. Compito che è stato svolto nel corso dell'anno trascorso, suffragato dai buoni rapporti subito allacciati anche tra le rispettive presidenze, per rendere ancora più solido la tradizionale collaborazione tra l'Ente e l'Associazione, come è sempre stato. Fondazione ha quindi proseguito il suo programma di interventi sociali, per i quali il Comitato ha concesso l'appoggio a vari progetti presentati dalle associazioni richiedenti, compreso quello della Lazzaro Chiappari per l'anno 2011, quale aiuto al sostegno degli ex allievi appena dimessi dalle Comunità e per quelli di loro comunque con problematiche di vita nel bisogno. Con ciò l'Associazione ha ottenuto un aiuto importante, disponendo con concretezza di maggiori risorse per l'intervento a favore dei ragazzi dimessi nell'anno, soprattutto per chi di loro non è potuto rientrare nella propria famiglia, ed a cui provvedere per l'alloggio, il lavoro, e le dotazioni personali. Casi cui si sono aggiunte le situazioni di bisogno per taluni giovani, già dimessi in passato, ma ancora in forti difficoltà personali. Il finanziamento di cinquemila euro concessi da Fondazione è stato aiuto basilare per queste iniziative, cui gli ex allievi hanno sempre provveduto con risorse autonome, oggi non più bastanti. L'Ente di piazza Giovanni XXIII, si è inoltre affiancato all'organizzazione che l'Associazione con Cremona Solidale ha messo in campo per la realizzazione della bella festa della Solidarietà indetta per il secondo anno al Centro Sociale Barbieri, dove i ragazzi delle Comunità con altri giovani di altre comunità hanno dato vita ad una giornata di festa vissuta volentieri. Infine, Fondazione sarà presente anche per la premiazione dei ragazzi nella festa dell'87.mo di anniversario di vita della Lazzaro Chiappari, indetta per il 6 novembre 2011.In questo insieme operativo, che comprende l'ospitalità in comodato gratuito, della sede degli ex allievi nel palazzo della Fondazione Città di Cremona, vi è una parte significativa della missione statutaria di Fondazione Città di Cremona, che oltre al compito istituzionale dell'amministrare i patrimoni in consegna, svolge importante azione di sostegno assistenziale, a volte non conosciuto e soprattutto non percepito dalla comunità cittadina, quale ausilio sussidiario allo stesso Assessorato ai servizi assistenziali del Comune, e dunque importante veicolo dell'aiuto pubblico sociale, cui tanto accudisce anche il volontariato cittadino.

Presidente Giacomo Spedini in visita all'Associazione