L' EX ALLIEVO
ANNO 41° - CREMONA - 14 NOVEMBRE 2004 - NUMERO UNICO

Associazione "LAZZARO CHIAPPARI" - Ex Allievi Orfanotrofio e Manini - 1924 -ONLUS

LA FONDAZIONE "CITTA' DI CREMONA"

erede Ipab con Ernesto Maggi consigliere

La trasformazione delle Ipab avvenuta a fine anno 2003, ha prodotto la nascita della nuova Fondazione Città di Cremona, erede dell'ex Ipab (gestore degli Istituti Educativi-già Orfanotrofio e dell'Elemosiniere-già Consorzio della Donna), e dell'Ospizio Soldi. La Fondazione, come si è detto, ha caratteristica privata, tuttavia sotto controllo comunale. I suoi compiti sono di gestire i patrimoni delle ex Ipab nel rispetto delle finalità umanitarie e di aiuto all'indigenza per cui furono donati, tra cui quello appunto dell'aiuto ai minori nel disagio. Mandato istituzionale che prevede anche interventi diretti a sostegno di taluni bisogni del mondo sociale. Alla Fondazione, nata il 1° gennaio 2004, il Sindaco ha nominato Presidente il dr. Umberto Lonardi, nota personalità nel campo bancario e di gestioni amministrativo-patrimoniali. Nel Comitato dell'ente, formato da cinque consiglieri, è stato riconfermato, sempre per scelta del Sindaco Bodini, il delegato dell'Associazione Ernesto Maggi. L'Associazione ne aveva espresso il desiderio, al fine di essere compartecipe delle destinazioni operative della Fondazione, date le sue caratteristiche istituzionali. Del Comitato fanno parte Tiziano Percudani (vice Pres.), Giuseppe Gigliobianco, Aldo Puerari, (Maria Rita Balsamo, da sostituire) e Francesca Piacentini. Come da consuetudine nei rinnovi elettorali, l'Associazione ha incontrato il Presidente Lonardi per la reciproca presa di conoscenza e scambio di intese, subito caratterizzate da disponibilità e proficua collaborazione.

Sala Rodi novembre 2003

Le Comunità gestite ora da "Cremona Solidale"
Di pari passo alla cessazione dell'ex Ipab, cui è subentrata da gennaio nella parte dei patrimoni la Fondazione Città di Cremona, alla stessa data è entrata in funzione l'Azienda Speciale Comunale "Cremona Solidale" con il compito di condurre l'intero servizio di sicurezza della persona, da quello geriatrico a quello dei minori. Per questo fatto le Comunità Barbieri sono passate sotto la conduzione della nuova Azienda, retta da un Consiglio, che sempre per nomina del Sindaco, ha per presidente il prof. Franco Verdi, per Vice Gian Carlo Storti, e consiglieri: Mauro Bettoni (delegato alle Comunità), Maurizio Guerrini, Giuseppe Madoglio. La sede è presso il complesso dell'Ospizio Soldi (non più denominato tale). Per le Comunità Barbieri non è cambiato nulla ai fini della loro conduzione e gestione. L'intero apparato che le riguarda continua nel medesimo modo le proprie funzioni e compiti, assunti ora da Cremona Solidale, al cui coordinamento del servizio per i minori è posta la stessa dr.ssa Roberta Barilli, già responsabile delle Comunità nell'ex Ipab Riunite.
I commiati dal Sindaco Bodini e dal Presidente Ipab Tregattini
Prima all'ing. Livio Tregattini, presidente Ipab scaduto per ragioni di trasformazione dell'Ente in Fondazione al 31 dicembre 2003, è toccato lasciare l'incarico di un organismo che ha svolto per secoli, sotto denominazioni varie ( Consorzio della Donna, Congregazione di Carità, Eca, Ipab), il complesso aiuto all'indigenza non solo cittadina e quindi la gestione degli ex Istituti Educativi già Orfanotrofi. A Tregattini, e al Consiglio da lui presieduto, così come all'intero corpo del Personale dell'Ente, è stato espresso il sentito apprezzamento per quanto realizzato nel mandato amministrativo e per come la presenza dell'Associazione sia stata accolta e accettata. E' poi stata la volta del Sindaco dr. Paolo Bodini, che ha terminato il suo secondo mandato a giungo, sostituito da Corada. Un addio di cui è stato detto e scritto, e che noi evidenziamo con il rendere atto all'ex Sindaco quanto da lui si è ricevuto in fatto di attenzione e considerazione, tra cui l'avere coinvolto la Lazzaro Chiappari nella realizzazione del progetto a lungo perorato dall'Associazione, per la riunificazione sotto conduzione Ipab delle tre Comunità per Minori, al tempo (1998) gestite distintamente dal Comune. Operazione di cui l'allora Assessore Francesca Platè e la Presidente dell'Ipab Mariuccia Minelli, ebbero a condurre in porto, sotto indirizzo dello stesso Sindaco. A Bodini l'Associazione ha espresso il plauso per il suo mandato di primo cittadino, svolto con impegno e forte senso di responsabilità, in un difficile compito di conduzione e di realizzi, tra i cui risultati positivi vi è quello delle innovazioni del mondo sociale, accompagnato da una consistente considerazione dell'azione svolta dal volontariato, compreso quello degli ex allievi.