LE ORIGINI
La Cremona dei primi anni del 1500 è città prostrata dal passaggio delle armate francesi e spagnole, tra loro in guerra per la conquista del Ducato di Milano. Spogliazioni, malattie, tra cui la peste, perdita di risorse vitali, hanno prodotto altra povertà e miseria. Con fatica e seppur a gradi, si da avvio alla ripresa perché il bisogno è tanto e il degrado civile ha raggiunto livelli gravi.
Inizia comunque la lenta e difficile ripresa in cui si provvede all'aiuto dei più infelici per povertà e abbandono, attraverso iniziative caritatevoli che già fanno parte del costume dei tempi in cui la pratica religiosa prevede soprattutto l'elemosina, chiesta anche nelle case. Carità incanalata tramite la costituzione di apposite congregazioni, formate da religiosi e laici che nell'ambito parrocchiale provvedono al bisogno in genere, e quindi dei ragazzi orfani (... et seranno orfani derelitti alla Misericordia...).
Via Cadolini All'istruzione religiosa loro impartita con l'aiuto per la sopravvivenza, si comincia inoltre a dare un apprendimento al lavoro, così da disporre di maggiore possibilità d'inserimento nella comunità adulta.
Ma la condizione rimane quella di un insieme caritatevole non bastante ad affrontare la miseria diffusa e non sufficiente ad affrontare il problema dei tanti, troppi ragazzi abbandonati a se stessi e che vivono di stenti.
Problema che l'autorità religiosa nella veste di promotrice, e quella laica quale corresponsabile del sostegno, decidono di affrontare per dare stabilità alle due istituzioni degli orfani, il cui stato permane di difficile e incerta condizione e alla ricerca di una più certa continuità di funzionamento, quali appunto sono:
- Il Femminile, che accoglie le ragazze orfane o abbandonate sin dal 1523 dando loro ospitalità presso un immobile dell'ospedale che il nobile Filippo Tinti aveva fatto costruire nel 1500 in contrada Rospalia (odierna Ala Ponzone). Collocazione che poco dopo può contare su qualche lascito di benefattori grazie ai quali l'alto numero di orfane nel frattempo ospitato viene meglio sistemato nella sua condizione abitativa, ricavata sempre allargandosi un po' negli stessi ambienti dell'Ospedale,nei pressi del quale è anche costruita per la bisogna del pio luogo la piccola chiesa di S.Orsola.
- Il Maschile,a sua volta formatosi con un primo nucleo nel 1528 attraverso la fattiva opera del Canonico priore della Cattedrale, Pagano Ponzone, iniziatore della sua nascita al fine di raccogliere gli orfani per dare loro vitto e alloggio trova posto, in una casa nelle vicinanze della chiesa di S.Nazzaro, detta abbazia di Ognissanti (attuale via Bernardino Gatti).
RITORNA
NAVIGAZIONE
SUL WEB
Lazzaro Chiappari
ExAllievi Orfanotrofio
Onlus Cremona